martedì, settembre 09, 2014

Poesie, Pensieri InVersi



Il libro si può acquistare on line ed è disponibile sia la versione e-book che la versione cartacea. Buona lettura

RECENSIONE ENRICO NISTRI, CRITICO LETTERARIO

 Matilde Calamai appartiene a quella non troppo vasta, ma in compenso molto qualificata, schiera di artisti che accompagnano alla pratica della pittura la passione dello scrivere. La Toscana ne ha potuti vantare in un passato sia prossimo che remoto alcuni insigni esempi, da Lorenzo Viani ad Ardengo Soffici, dal Cellini al Vasari, per non citare che qualche nome. E lei prosegue in questa tradizione, presumo perché penna e pennello, arte figurativa, poesia e racconto costituiscono elementi inscindibili della sua personalità.
 Ho conosciuto Matilde Calamai in veste di pittrice in un afoso pomeriggio dello scorso giugno, nella raccolta ed accogliente galleria di Lilli Brogi in via della Pergola, nell'atmosfera indaffarata, festosa, a volte concitata che precede la vernice di una mostra. Ero stato chiamato a dire due parole sulla sua opera ed ero arrivato un po' prevenuto, perché avevo potuto visionare i dipinti solo sullo schermo, sul sito dell'autrice, che conoscevo solo come conduttrice televisiva. Sapevo che non aveva seguito corsi regolari e temevo di dover ricorrere a qualche abile perifrasi per parlare comunque bene del velleitario debutto di una debuttante. Dinanzi alla qualità delle opere, alla ricchezza dell'ispirazione, all'originalità di certe soluzioni grafiche, dovetti ricredermi, così come dovetti ricredermi sull'artista, che mi colpì per la sua semplicità e umiltà nella fase di preparazione della mostra.
 Rivedo oggi Matilde Calamai a fine ottobre, negli ultimi sgoccioli di un'intensa e prolungata estate, in questa solenne e semimillenaria che contrasta piacevolmente con la sua fresca giovinezza, e non sono più prevenuto. Ho avuto modo di leggere per tempo questa sua raccolta di Pensieri inversi e di rendermi conto che la poetessa non è inferiore alla pittrice, ma soprattutto le è complementare. Temi, suggestioni, luoghi che animano i suoi dipinti (a partire dalla passione per l'Africa) sono la linfa vitale di queste liriche con cui Matilde Calamai fa il suo esordio nella lirica, dopo il debutto nella narrativa col romanzo La bellezza parte da dentro, seguito dai racconti Storie sexy di ragazze per bene preceduti da una prefazione di Federico Moccia. Giudicare un'opera lirica non sempre è facile e d'altra parte non è facile per il vero poeta emergere; lo è ancora di meno da quando con l'avvento del verso libero, venuto meno il filtro selettivo della metrica, chiunque ha ritenuto di potersi improvvisare autore di liriche e le redazioni delle case editrici e delle riviste specializzate sono state inondate di velleitarie costruzioni sintattiche. Matilde Calamai anche in questo caso si è distinta con una soluzione stilistica del tutto singolare. Pur adottando in questa raccolta di liriche il verso libero, ha scelto di far precedere ogni poesia da un haiku: un caratteristico componimento giapponese composto da diciassette sillabe distribuite in tre versi, che anticipa in certo qual modo l'intimo significato di ogni lirica. L'“anima”, come si esprime nelle pagine introduttive l'autrice, che precede il “corpo”, la poesia stessa. E queste sessanta liriche, che Matilde ci propone anche nella traduzione inglese (ammesso che taluna di esse non sia stata direttamente pensata in questa lingua) ci disvelano effettivamente anima e corpo, spiritualità e storia personale dell'autrice. Ci sono, in primo luogo, le radici, a partire dalla città nativa. A differenza di molti suoi concittadini, che preferiscono scivolare sulla loro città nativa, magari per qualche complesso d'inferiorità rispetto alla più blasonata Firenze, l'autrice si dichiara francamente “orgogliosa di essere pratese”, legata da “un solo e resistente filo di lana” alla “nostra città”. È affezionata al “suono magico, ipnotico e seducente del telaio”. Ricorda con affetto la sua infanzia trascorsa a giocare “con sottili fili colorati”, in una città, per altro, senza “nessun cinese”. Più tormentato il rapporto con la Toscana, paragonata a una “signora dalla raffinatezza agreste”, chiusa però fra “mura di tradizione medievale”. Una bella signora dalla quale è tuttavia frequente la tentazione di fuggire, nonostante i suoi “girasoli più belli dei quadri di Van Gogh” e le “piccole città” che “in estate si tingono di verde / che come olio nuovo i gusti rendono piccanti.” Fuggire, sì, ma dove? Con precisione, ma anche con profondo afflato lirico, i versi di Matilde Calamai ci accompagnano in un itinerario biografico che è anche un itinerario spirituale. C'è, innanzitutto, Milano, la magica città degli affari e della moda, delle speranze dell'adolescenza e della prima giovinezza, ma anche delle prime delusioni. Illusioni e delusioni evocate con discrezione ma chiarezza: “Il Naviglio e Brera hanno segnato il mio cuore, / due cicatrici profonde nell'anima.” C'è, naturalmente, l'Africa, “la mia Africa”, già felicemente evocata nelle creazioni artistiche, porto sicuro in cui approdare, casa e rifugio, “massima espressione di pace”. Ma c'è , in queste “fotografie della memoria” , anche l'India. E si tratta di una memoria non solo e non tanto visiva, quanto olfattiva. Il “dolciastro del ginepro” e “l'intensità del mirto” evocano all'autrice la memoria del grande fiume Gange e le strappano una promessa - “Là ti sposerò” - che è anche una dichiarazione d'amore. E l'amore – come potrebbe essere diversamente? – è uno dei protagonisti di questa raccolta di liriche, declinato con discrezione in tante forme diverse. Ci sono gli amori nascosti, sospesi, mai dichiarati e quelli profondi, “indelebili come l'inchiostro di un tatuaggio”; gli amori – spiega Matilde in una lirica chiarificatrice – antidoto alla solitudine e “rammendi al mio narcisismo”. Ci sono gli amori falsi ed effimeri, onestamente confessati (“Quanti irragionevoli 'ti amo' a uomini sconosciuti”...) e quelli sofferti che insegnano all'autrice a non vergognarsi dei sentimenti. “Mi hai fatto capire che non sono diversa, che piangere per un amore finito, per un amico significa essere e non essere fragile”, ricorda Matilde in una delle sue liriche più belle. Ma in lei non viene mai meno l'aspirazione al vero amore “che non finisce mai”, magari – aggiunge l'autrice - “sulle note di Beethoven”. E l'accenno al grande musicista tedesco non è certo la sola citazione dotta di queste liriche che senza ostentazioni rivelano un'insospettabile ricchezza di riferimenti culturali, dai già citati Girasoli di van Gogh alla “neve di Shakespeare” evocata nella lirica “Chantal”, una delle più felici della raccolta.
 Cultura e spontaneità, originalità e tradizione – nella riscoperta di un'antichissima forma metrica, - orgoglio delle radici e fascino dell'esotico: anche nella capacità di compenetrare queste componenti all'apparenza inconciliabili risiede il fascino dei Pensieri inversi. Poco più di quattro mesi fa, commentando la sua prima esposizione, mi azzardai ad affermare che Matilde Calamai ama, riamata, la pittura. Ora posso aggiungere che Matilde ama, riamata, anche la poesia.

Enrico Nistri

lunedì, giugno 23, 2014

Prorogati i termini per partecipare al bando "Premio pittura Fbo Montecatini" di Banca Mediolanum fino al 31 luglio


E’ prorogato fino al 31 luglio (rispetto al 20 giugno inizialmente previsto) il termine per partecipare al bando “Premio pittura Fbo Montecatini”, finalizzato alla promozione e alla valorizzazione della pittura in tutte le sue tecniche. La premiazione si svolgerà sabato 20 settembre (anziché il 1° luglio).


Il concorso di pittura è sponsorizzato dal Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini. Il “Premio Fbo”, organizzato da Matilde Calamai, Ledo Fabbri e Letizia Melani si propone di valorizzare e dare visibilità agli artisti emergenti e all’arte contemporanea. Tra tutti i partecipanti al concorso verranno scelti 15 finalisti, le cui opere saranno esposte in una mostra collettiva che si terrà al Family Office di Banca Mediolanum di corso Matteotti, e un vincitore assoluto scelto da una giuria tecnica. E’ previsto inoltre un premio per l’opera preferita dal pubblico, che potrà votare sulla pagina Facebook del Family Banker Office di Banca Mediolanum. 

La tematica che i partecipanti dovranno rispettare per accedere al premio è “La banca che vorrei”.


Sono ammesse al concorso esclusivamente opere pittoriche, senza alcun limite di stile (opere figurative, astratte, informali), tecnica (olio, tempera, acrilico, vernice industriale, tecniche miste) e supporto (tela, carta, legno, plastica, ferro).  La misura massima consentita per ogni lato è di un metro.

Gli artisti possono iscriversi inviando a concorsofbomontecatini@gmail.com la documentazione necessaria al completamento dell’iscrizione.


Premi al primo classificato: una targa; mostra personale al Family Banker Office di Banca Mediolanum a Montecatini Terme; testo critico della giuria tecnica con le motivazioni del premio; intervista e pubblicazione su quotidiani e siti internet; realizzazione di un servizio su Toscana tv nell’ambito della rubrica ‘Incontri con l’arte’; maglietta con stampa dell’opera realizzata dall’azienda Fuorionda.

NUOVO BANDO

Bando
1° edizione PREMIO FBO MONTECATINI (FAMILY BANKER OFFICE DI BANCA MEDIOLANUM – Montecatini Terme) 2014
Genere: PITTURA Regolamento
Art.1: FINALITÀ
Il Premio FBO Montecatini di pittura, organizzato da Matilde Calamai, Ledo Fabbri e Letizia Melani e sponsorizzato dal Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini si propone di valorizzare, promuovere e dare visibilità agli artisti emergenti e all’arte contemporanea in genere.
Tra tutti i partecipanti al concorso verranno scelti quindici (15) finalisti le cui opere saranno esposte in una mostra collettiva che si terrà presso lo spazio del Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini.
Tra i quindici selezionati verrà designato un unico vincitore scelto dall’insindacabile giudizio della giuria organizzativa e da quella tecnica.
E’ previsto inoltre un Premio per l’opera preferita dal pubblico, che avrà la possibilità di vederla, votarla e commentarla direttamente sulla pagina Facebook:https://www.facebook.com/pages/Family-Banker-Office-di-MontecatiniFamily Banker Office di Montecatini Terme
Art. 2: TEMA
La tematica che i partecipanti dovranno rispettare per accedere al Premio è quella del mondo bancario:“LA BANCA CHE VORREI”. Tematica che ogni candidato potrà elaborare e interpretare a piacere giustificando la scelta con alcune righe di presentazione dell’opera.
Art. 3: TECNICHE
Sono ammesse al concorso solo ed esclusivamente opere pittoriche, senza alcun limite di stile (opere figurative, astratte, informali ecc.), tecnica (olio, tempera, acrilico, vernice industriale, tecniche miste, etc) e supporto (tela, carta, legno, plastica, ferro, etc.).
La misura massima consentita per ogni lato è di 100 cm.
Art. 4: CRITERI DI AMMISSIONE
Possono partecipare tutti gli Artisti maggiorenni, senza limiti di età, sesso, nazionalità né di altra qualificazione, che presentino un' opera pittorica inerente la tematica trattata. Si possono presentare opere di nuova realizzazione o già realizzate, purché non abbiano già vinto altri premi o concorsi.
Art. 5: DATE E SCADENZE
Inizio pubblicazione opere on-line: 5/04/2014
Chiusura iscrizioni al concorso: 31/07/2014 entro le ore 12:00.
Ultimo giorno di votazione dell’opera preferita on-line: fino al 31/07/2014 entro le ore 12:00.
Apertura Mostra Collettiva dei primi 15 artisti finalisti e Vernissage con Premiazione del Vincitore presso il Family Banker Office di Banca Mediolanum, Corso Matteotti 109 Montecatini Terme20/09/2014
Mostra Personale del vincitore da definire.
Art. 6: MODALITÀ DI ISCRIZIONE
Gli artisti possono iscriversi al concorso: entro le ore 12:00 del 31/ 07/ 2014, inviando aconcorsofbomontecatini@gmail.com la documentazione necessaria al completamento dell’iscrizione che comprende:
1) Breve biografia dell’artista – percorso formativo, informazioni professionali, sito internet, contatti, etc – in versione PDF (massimo 1.000 caratteri spazi inclusi).
2) Immagine dell’opera candidata in formato jpg, con risoluzione di almeno 300 dpi (il nome del file così composto: “Nome Cognome dell’artista, Titolo, Tecnica, Dimensioni, Anno.jpg”)
3) Descrizione tecnica dell’opera
4) Spiegazione del legame tra l’opera e la tematica del concorso (massimo 1.000 caratteri spazi inclusi).
N.B. Le iscrizioni mancanti delle suddette informazioni non saranno prese in considerazione. Il materiale fornito per l’iscrizione non verrà restituito.
Art. 7: ISCRIZIONE
L’iscrizione al concorso è gratuita.
Art. 8: PREMI
Il concorso si articola in tre fasi:
1) prima selezione, da parte della Giuria, di quindici (15) finalisti
2) premiazione del vincitore decretato dalla Giuria
3) premiazione dell’opera preferita dal pubblico.
Ai quindici finalisti sarà data l’opportunità di esporre l’opera presentata in concorso presso il Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini Terme dal 20/09/2014 al 4/10/2014
Premi per il primo classificato:
1) Una targa
2)Mostra Personale presso il Family Banker Office di Banca Mediolanum a Montecatini Terme
3) Testo critico della Giuria tecnica con le motivazioni del premio
4)Intervista e pubblicazione su quotidiani e siti internet
5)Realizzazione di un servizio su Toscana tv nell’ambito della rubrica ‘Incontri con l’arte’
6) Una maglietta con stampa dell’opera da parte dell’azienda Fuorionda
N.B. L’opera vincitrice sarà trattenuta dallo sponsor e inserita nella Collezione della sede del Family Banker Office di Banca Mediolanum
Premi per l’opera preferita dal pubblico:
1)Targa
2)Una maglietta con stampa dell’opera dell’azienda Fuorionda
Entrambe le premiazioni avverranno in occasione del Vernissage della mostra collettiva che si terrà in data 20/09/2014
Art. 10: LA GIURIA
I componenti della Giuria organizzativa e della Giuria tecnica sono selezionati dal Family Banker Office, a suo insindacabile giudizio, fra illustri rappresentanti del mondo delle istituzioni, dell’arte, della cultura e dell’imprenditoria.
La Giuria organizzativa, presieduta dal Direttore del gruppo Gianluca Rafanelli, è composta da:
- Ledo Fabbri, manager di artisti e curatore di mostre
- Matilde Calamai, autrice e artista
- Melani Letizia, organizzatrice di eventi
- Marco Rindori, artista
La Giuria tecnica è composta da:
-Daniela Pronestì, storica e critica d’arte
- Roberta Fiorini, storica e critica d’arte
Le decisioni della Giuria saranno inoppugnabili ed insindacabili in qualsiasi sede.
Art. 11: TRASPORTO E ALLESTIMENTO
I quindici (15) finalisti dovranno provvedere personalmente alla spedizione o consegna delle opere entro e non oltre il 17/09/ 2014 al seguente indirizzo: Family Banker Office di Banca Mediolanum Corso Matteotti 109 Montecatini Terme.
Le opere devono essere già munite di cornici e ganci necessari all’allestimento della mostra che sarà a cura degli organizzatori del concorso.
La modalità, i costi di trasporto e l’eventuale assicurazione delle opere sono a carico e discrezione dell’artista, sia per la consegna che per la restituzione.
Il termine ultimo per il ritiro delle opere a conclusione dell’evento espositivo è mercoledì 8/10/2014. Dopo questa data le opere saranno depositate in box in affitto a carico dell’artista.
Art. 12: RESPONSABILITÀ
Il Family Banker Office di Banca Mediolanum pur assicurando la massima cura e custodia delle opere pervenute, declina ogni responsabilità per eventuali furti, incendi o danni di qualsiasi natura che possono verificarsi durante le fasi della manifestazione.
Ogni eventuale richiesta di assicurazione va sottoscritta ed è a carico dell’artista stesso.
Art. 13: CONSENSO
Ogni partecipante autorizza espressamente il Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini Terme a trattare i dati personali trasmessi ai sensi della legge 675/96 (”legge sulla Privacy”) e successive modifiche D.lgs.196/2003 (codice Privacy).
Ogni partecipante al concorso concede in maniera gratuita al Family Banker Office i diritti di riproduzione delle opere e dei testi rilasciati al Premio, al fine della pubblicazione sul sito web e delle altre forme di comunicazione, promozione e attività dell’organizzazione.
Il materiale inviato per l’iscrizione non sarà restituito.
Gli organizzatori del concorso avranno diritto di decisione finale su tutto quanto non specificato nel presente bando.
L’organizzazione si riserva il diritto di apportare variazioni al bando qualora se ne presenti la necessità.
L’adesione e partecipazione al premio implica l’accettazione incondizionata di tutti gli articoli del presente bando e delle decisioni inappellabili e insindacabili della Giuria.


venerdì, giugno 06, 2014

L’Aperitivo d’autore cala un tris di giovani artiste per l’appuntamento di giugno al Family Office Banca Mediolanum



L’Aperitivo d’autore cala un tris di giovani artiste per l’appuntamento di giugno al Family Office Banca Mediolanum


Tre giovani donne, tre artiste per una mostra collettiva. E’ la novità dell’appuntamento di giugno con l’“Aperitivo d’autore” al Family Banker Office di Banca Mediolanum di corso Matteotti 109 a Montecatini.  Tante le novità: il Family Office di Banca Mediolanum cala infatti un tris tutto in rosa formato da Matilde Calamai, Lisa Dalla Noce e Palma Nasoni. Nessun falso d’autore stavolta, che pure avevano raccolto tanti consensi nelle edizioni precedenti, ma tutti quadri originali, che saranno presentati al pubblico nel vernissage previsto per venerdì 13 giugno a partire dalle 18,30. All’evento parteciperà inoltre il dottor Sergio Puggelli, sessuologo e psicoterapeuta, che presenterà il libro “La coppia e i suoi segreti ”.
L’Aperitivo d’autore sarà ripreso dalle telecamere di Toscana Tv e durante il pomeriggio ci sarà la possibilità di aggiudicarsi delle magliette con sopra stampate proprio le opere delle tre artiste (le t-shirt saranno offerte dall’azienda Fuorionda) e alcuni voucher gentilmente concessi dalla società Terme di Montecatini validi per ingressi o trattamenti nelle strutture termali. I quadri venduti dalle pittrici nel corso della mostra avranno anche una finalità sociale: il 10 per cento del ricavato sarà infatti devoluto in beneficenza all’associazione “Noi per Voi per il Meyer Onlus”, associazione genitori contro le leucemie e tumori infantili che ha come finalità quelle di promuovere e sostenere lo sviluppo della ricerca scientifica, migliorare la cura e l’assistenza ai piccoli pazienti affetti de patologie emato-oncologiche e assistere le famiglie dei malati.
L’appuntamento è per venerdì 13 giugno alle ore 18,30 al Family Banker Office di Banca Mediolanum in corso Matteotti 109 a Montecatini Terme. L’ingresso è libero e l’invito a partecipare all’evento (e alla successiva visita per ammirare le opere esposte) non è riservato ai clienti di Banca Mediolanum, ma è gratuito e aperto a tutti gli interessati.
Durante il vernissage sarà offerto un aperitivo-buffet.





venerdì, maggio 30, 2014

I miei quadri diventano cover per Iphone e Galaxy



I miei quadri diventano cover per Iphone e Galaxy.

Acquistare una cover è semplice, basta andare sul sito http://fineartamerica.com/art/all/matilde+calamai/iphone+cases e cliccare sull'immagine che più ti piace. Puoi modificarla a piacere e ottenere una copertina per il tuo smartphone originale e d'autore.
Una volta che hai scelto la dimensione dell'immagine aggiungi al carrello e inserisci tutti i dati per l'acquisto, ti arriverà a casa.

Ma non è finita qui, se ti piace un mio dipinto nella sezione Products potrai scegliere se stamparlo su tela,  su metallo, se creare delle cartoline e tanto altro...

Vi aspetto si Fine Art America !








martedì, maggio 27, 2014

Racconti e Poesie in e-book

Ecco a voi in versione e-book "Storie Sexy di ragazze per bene", in italiano e in inglese, e il libro di Poesie " Pensieri In Versi" vincitore di molti premi letterari.

Buona lettura

 http://www.lulu.com/spotlight/matildecalamai








 http://www.lulu.com/spotlight/matildecalamai

giovedì, maggio 15, 2014

Il 25 maggio vota Spini -Calamai "Sostieni Firenze"




Programma della lista “Sostieni Firenze”
in coalizione con il Candidato Sindaco Dario Nardella
*********
Sostieni Firenze” è una lista civica che raccoglie l’eredità della lista “SpiniperFirenze” presente in Consiglio Comunale nella consiliatura 2009-2014 e che vede la partecipazione dei Socialisti, dei Verdi, di espressioni civiche della cultura e del lavoro e della tradizione della sinistra fiorentina. Raccoglie quindi esigenze di partecipazione che vanno oltre gli stessi partiti, assicurando alla coalizione che si riconosce nel candidato Sindaco Dario Nardella, un contributo al tempo stesso nuovo e originale, ma fondato su radici solide e collaudate.
Spiniperfirenze” ha svolto in questi anni in consiglio comunale un’opposizione costruttiva contribuendo attivamente al dibattito sull’istituzione delle città metropolitane, all’azione per la cultura (la presidenza di Valdo Spini del comitato per le celebrazioni del V centenario della stesura del Principe di Niccolò Machiavelli), ai problemi dell’urbanistica (è del gruppo SpiniperFirenze l’odg collegato all’approvazione del piano strutturale e fatto proprio dalla maggioranza di centro sinistra che ha governato Palazzo Vecchio); dell’ambiente (la commissione consiliare competente è stata presieduta dal Eros Cruccolini, oggi candidato nella lista “Sostieni Firenze”, nella difesa dei consigli di quartiere ( si sottolinea in questo campo l’azione svolta dal presidente uscente del quartiere 2 Gianluca Paolucci anche lui candidato nella lista Sostieni Firenze), dei servizi sociali e sanitari.
Il fatto che una lista di opposizione possa entrare nel nuovo patto di coalizione del centro-sinistra fa bene sperare per un nuovo passo nell’azione del futuro governo della città, per la sua apertura e per il suo pluralismo.
Da questo punto di vista, i rappresentanti di “Sostieni Firenze” che saranno eletti a Palazzo Vecchio, opereranno per sviluppare il ruolo democratico del Consiglio Comunale, luogo privilegiato del dibattito sui nostri problemi, in cui la città tutta possa rispecchiarsi. In tal senso “Sostieni Firenze” fa propria la proposta del Presidente della Commissione Affari Istituzionali del Consiglio, Valdo Spini, per una riforma del regolamento che istituisca un vero e proprio “Question Time”, riduca e snellisca il numero delle commissioni e dei gruppi consiliari, affermi una centralizzazione del finanziamento dei gruppi, vincoli ad una partecipazione ad almeno un terzo del tempo di durata delle sedute il percepimento da parte del consigliere del gettone di presenza per la partecipazione alle riunioni del consiglio e delle commissioni. Si impegna quindi a ripresentare detta proposta per l’approvazione nella prossima consiliatura comunale.
Sostieni Firenze” intende operare in tutta la campagna elettorale per la conoscenza e la diffusione della doppia preferenza di genere, considerandolo come momento non episodico di impegno duraturo e organico sui problemi della parità. In tal senso la lista di “Sostieni Firenze “ per il Consiglio Comunale è formata in parti uguali da donne e da uomini (18 e 18).






La prossima consiliatura sarà densa di appuntamenti programmatici ed istituzionali di grande rilevanza. Il 2015 ci porterà un grande mutamento istituzionale: la Città metropolitana in luogo della provincia. La cartina di tornasole della efficacia della nuova istituzione sarà costituita da un elemento molto preciso. Sarà in grado il piano strategico urbanistico della città metropolitana di essere qualcosa di effettivamente più efficace del Piano territoriale di Coordinamento (in verità assai tenue) di cui era titolare la Provincia? Noi opereremo proprio in questa direzione. Se ci riusciremo, vuol dire che avremo fatto veramente un passo avanti sostanziale nel governo del nostro territorio.
E’ la stessa realtà metropolitana in cui siamo inseriti che ce lo impone. Negli anni, varie decine di migliaia di cittadine e di cittadini fiorentini hanno lasciato la residenza in città per andare a stabilirsi in comuni della provincia nei quali hanno trovato alloggi più a buon mercato e /o una migliore qualità della vita, in termini di servizi sociali e di accessibilità degli stessi servizi dell’istruzione. Anni fa la popolazione di Firenze sembrava avviarsi verso le cinquecentomila unità. Oggi il nostro ufficio statistiche ci dice che la popolazione residente totale al marzo scorso consta di 376.389 unità ( 175.677.200 uomini e 200.712.376 donne) di cui stranieri 57.001.
Una buon parte di questi stessi cittadini, affluisce giornalmente in città, spesso su mezzi privati, per lavorarvi, studiarvi o fruire dei servizi direzionali propri del capoluogo. Come si possa pensare di continuare a governare in modo frammentato e non organico questa realtà è qualcosa di completamente fuori dalla più generale tendenza delle città metropolitane che si sono formate in Europa. A livello europeo e mondiale la vera competizione economica è tra le aree metropolitane piuttosto che tra i singoli stati. L’attrattiva mondiale della città di Firenze, consente di andare oltre i nostri limiti demografici quantitativi per essere una delle più importanti aree di attrazione turistica del mondo.
Dalla città metropolitana fiorentina dovremo poi operare per stabilire quei legami di collaborazione nella piana con Prato e con Pistoia che sono assolutamente indispensabili per dotare l’economia industriale di quest’area degli indispensabili infrastrutture per potere resistere alla crisi e rilanciarsi, a cominciare dal potenziamento dell’aeroporto di Peretola nel quadro delle sinergie con quello di Pisa.
Ma la prossima consiliatura è particolarmente importante anche per un altro fatto, che ci è stato ricordato dal recente accordo tra Comune, Ministero della Difesa e Agenzia del Demanio, su otto immobili militari (caserme) presenti nel territorio fiorentino. Ma non si tratta solo della difesa, ci sono anche i contenitori giudiziari dismessi per la recente attivazione del Palazzo di Giustizia. Una politica organica sui contenitori dismessi può permettere di tornare a rendere possibile in termini di spesa e di servizi abitare a Firenze, proprio utilizzando in modo programmato ed organico tali contenitori, così come indicato dal già citato odg del Consiglio Comunale allegato al piano strutturale e che ha avuto come primo firmatario Valdo Spini.
Di qui l’obiettivo che SOSTIENI FIRENZE si propone: riportare almeno 30.000 fiorentini ad abitare in città. E’ possibile proprio per la grande occasione di programmare l’uso di grandi contenitori strategici per la vita della città. Soprattutto vogliamo che rimangano o tornino a Firenze i giovani. Sappiamo bene che la prima e più efficace difesa contro il degrado è data dall’effettiva presenza di cittadine e cittadini residenti.
Il tema dei giovani, della loro collocazione nella vita della città, dello sviluppo delle possibilità di istruzione e di formazione nonché di quello di inserimento e di sbocco professionale sarà centrale nella nostra azione nel prossimo periodo di attività amministrativa. Studieremo anche l’istituzione forme di consulta atte a coinvolgere e a dare un’educazione alla partecipazione alla vita delle istituzioni proprio le giovani generazioni.
Tanto più se faremo quest’azione di ripopolamento della città e in particolare del suo centro storico, nell’ambito di una città smart nell’informatica ed ecologicamente sostenibile. Vogliamo contribuire, all’empowerment in campo ambientale promuovendo la centralità della cultura della sostenibilità ambientale nei sistemi territoriali che diventi il motore del cambiamento per la costruzione di un nuovo progetto di società orientato al benessere e alla qualità della vita.
Particolare attenzione riserveremo all’effettiva disponibilità degli standard di verde e di attrezzature pubbliche per i cittadini. Si tratta rendere Firenze veramente competitiva in questo campo. Intendiamo in tal senso anche elevare la spesa per la manutenzione del verde pubblico oggi ridotta all’insostenibile cifra di meno di cinquanta centesimi di euro a metro quadro.
In questo quadro l’elaborazione di un vero e proprio Piano per la mobilità diventa un obiettivo effettivamente indifferibile e qualificante per la stessa azione urbanistica. Tale piano deve essere elaborato prima della definitiva approvazione del già adottato Regolamento Urbanistico Comunale.
In tale piano dovranno essere attuati tutti gli strumenti di mobilità di una città al tempo stesso moderna e ambientalmente sostenibile, dalla tramvia agli altri mezzi di locomozione, mentre dovrà essere verificata la situazione dell’alta velocità a Firenze, tenendo conto che questa è già efficacemente operante nelle stazioni esistenti.
Altro tema strategico per la qualità della vita è quello della Sanità e della vivibilità in città. Per il primo occorre sottolineare le difficoltà che ci sono nel settore pubblico a causa alla riduzione dei finanziamenti, e in particolare alla situazione che si è realizzata anche nelle nostre Aziende per sanare gravi disservizi manifestatisi in altre, come l’azienda di Massa o lo stesso ISPO, che hanno avuto ricadute per tale motivo sull’intera collettività.
Non ultimo elemento, va ricordato che il sistema dei ticket come è stato strutturato: è pesante per coloro che hanno redditi bassi e fastidioso per tutti coloro che hanno redditi alti tanto da preferire il privato al pubblico.
Il consuntivo di bilancio 2013 ha visto realizzato un avanzo di amministrazione. La nostra proposta è che la parte disponibile di esso venga impiegata per affrontare le nuove povertà anch’esse presenti nel nostro agglomerato urbano. Da tale punto vista , “Sostieni Firenze” considera un parametro vincolante nel bilancio comunale la difesa dei livelli di welfare a favore delle cittadine e dei cittadini più svantaggiati.
Firenze non sarebbe Firenze senza la cultura che fa inestricabilmente parte del brand della città. Nel centocinquantesimo anniversario del breve periodo in cui Firenze è stata capitale del Regno d’Italia, dobbiamo prendere il solenne impegno di affermare il ruolo di Firenze come capitale culturale del nostro paese. Lo permette l’ampia e qualificata presenza di istituti nazionali afferenti al Ministero per i beni culturali che dobbiamo avere in sinergia con quelli locali, attraverso un’intensa collaborazione che deve trovare sbocco in una serie di periodiche verifiche del rapporto governo- Comune di Firenze in questo campo. Firenze è può essere ancor di più al centro di un triangolo di rapporti tra la propria università, le circa trenta università americane situate nel’ambito della sua città metropolitana, l’Istituto Universitario Europeo situato a cavallo tra Firenze e Fiesole.
Non vi è contraddizione ma al contrario integrazione tra la cura e lo sviluppo del grande patrimonio storico-artistico che l’Umanesimo e il Rinascimento hanno lasciato a Firenze e quelli della contemporaneità nella cultura e nell’arte in tutte le sue forme.
Il nuovo governo comunale dovrà sentirsi impegnato a realizzare a Firenze la versione nazionale italiana di quel Salon de la Revue che a Parigi annualmente espone l’attività di tutte le riviste della francofonia. Firenze è la città adatta per ospitare una iniziativa del genere, da compiersi in collaborazione con la Regione Toscana, proprio perché essa è stata capitale delle riviste letterarie sia negli anni trenta che negli anni quaranta dopo la Liberazione e perché ospita tuttora numerose case editrici il cui ruolo dobbiamo difendere e sviluppare. Un esempio, solo un esempio di quanto si può e si deve fare.
Il binomio cultura –economia (intendendo anche l’industria) è fondamentale per la città e per l’avvenire dei nostri giovani.
L’attenzione riservata in tutto il mondo, dalla Cina, agli Usa, all’Istituto Universitario Europeo, alla Corea del Sud, alle recenti celebrazioni machiavelliane ne è stata ancora una volta chiara testimonianza. Per questo la città non può essere “consumata” da un turismo sciatto ma valorizzata da un turismo qualificato.
Firenze, come negli anni sessanta, va riportata ad un alto livello di dibattito culturale e politico. Estremamente presente in “Sostieni Firenze” è l’orientamento politico socialista-liberale del filone ideale e morale che fa capo ai Fratelli Rosselli. Ma anche il movimento di “Testimonianze” , movimento laico di credenti,vi è rappresentato e così pure gli altri filoni della tradizione della sinistra fiorentina nella convinzione che non si può costruire il futuro senza ricollegarsi alle radici migliori del passato. Anche su questo piano la nuova giunta e il nuovo consiglio dovranno dare il loro fattivo contributo per sviluppare non solo una politica culturale locale, ma una politica culturale nazionale ed internazionale.
In conclusione non vogliamo un programma “libro dei sogni” ma vogliamo un programma credibile nel metodo e nel merito, come quello che qui abbiamo delineato nei suoi tratti distintivi. Un programma degno della “Grande Firenze” che vogliamo costruire verso il 2020, attraverso la nostra presenza “Nel centro Sinistra con le nostre idee”.

lunedì, aprile 28, 2014

Il 25 maggio a Firenze votatemi :)





Salute:







 





Solidarietà:







 e non solo a Firenze...







 







 ARTE E CULTURA:

E' importante conoscere la storia della nostra città per costruire il futuro, così ho spesso intervistato un mentore della cultura italiana: l'On.Prof.Valdo Spini











 Fondamentale è sostenere le Associazioni Culturali







 



 Agevolare e promuovere gli artisti che desiderano esprimersi con la pittura



 





 tra cui anch'io :)



 







 E che la poesia torni regina a Firenze!





 










Lavoro.

Creare sinergie! Con una banca di Montecatini sto organizzando degli aperitivi d'autore dove gli artisti meritevoli espongono gratuitamente, progetto che vorrei riproporre anche a Firenze

 





 Dietro il progetto lavorano diverse persone retribuite, perciò è importante creare e inventarsi situazioni del genere.





 Questo e molto altro per la città in cui vivo e lavoro!

domenica, aprile 27, 2014

Spot Sostieni Firenze







Martedì 22 aprile alle ore 21 la lista “Sostieni Firenze” ha aperto la sua campagna elettorale per le amministrative nella Sala delle conferenze dell'Arci in piazza dei Ciompi 11. Ha introdotto il capolista, On. Prof. Valdo Spini, consigliere comunale uscente, che ha parlato del tema “nel centro-sinistra con le nostre idee”. La lista “Sostieni Firenze” è il risultato di una vasta convergenza che comprende la lista civica “Spini per Firenze”, i Socialisti, i Verdi, il  Movimento di Azione Laburista ed espressioni della tradizione della Sinistra fiorentina. E' in coalizione col candidato Sindaco Dario Nardella.
Nell'occasione è stata presentata la lista per il Comune di Firenze, composta da 18 donne e 18 uomini (si acclude in allegato). Il candidato più giovane è una ragazza, Sara Scalabrella, 19 anni che vota per la prima volta; presenti anche importanti esperienze amministrative, come quella del consigliere comunale uscente Eros Cruccolini (Sinistra per Firenze), del presidente del quartiere 2 Gianluca Paolucci (Psi). Per i Verdi Sandra Giorgetti: Numerose le donne e gli uomini esponenti della società civile, del mondo della scuola e della cultura. Tra questi ultimi, il prof. Gaspare Polizzi, le proff.sse Alessandra Calcagnini, (Elsa Morante),e  Laura Felici (Machiavelli):, Francesca Taiani (Accademia Belle Arti), Matilde Calamai, pubblicista e scrittrice .
Di provenienza  IdV  i candidati Ottavio Cipolli ed Elisabetta Vagaggini.. Presente anche l’avv. Maurizio Folli.
“Sostieni Firenze” ha presentato anche le liste per le cinque circoscrizioni. Tra i nomi dei candidati delle circoscrizioni, il vice presidente uscente del Quartiere 5 Federico Perugini e il consigliere uscente del Quartiere 1 Valerio Brogelli. Vi è poi Vieri Torrigiani (degli omonimi giardini), candidato ai Quartieri 1 e 3 , il prof. Riccardo Pratesi al Quartiere 2, la prof.ssa Loretta Messeri al Quartiere 4; nonché il presidente dei giovani del Circolo Rosselli, Alessandro Guadagni ,al Quartiere 1 con  la musicista Camilla Insom e la prof.ssa Maria Chiara Donnini.

martedì, aprile 22, 2014

Libro in spiaggia



Paola.Oltre le parole in spiaggia.
Un lettore mi ha spedito queste immagini favolose. Il mio libro in Sardegna! 

Grazie.










lunedì, aprile 21, 2014

Il sacrificio dei “Carabinieri Martiri di Fiesole”





Il 12 agosto 1944, pochi giorni prima della liberazione di Firenze, a Fiesole tre carabinieri, Alberto La Rocca, Fulvio Sbarretti e Vittorio Marandola, cadevano sotto i colpi di un plotone d’esecuzione nazista. Il sacrificio dei “Carabinieri Martiri di Fiesole”, immolatisi per salvare la vita di dieci persone trattenute in ostaggio.

giovedì, aprile 17, 2014

Pittura, PREMIO FBO MONTECATINI (FAMILY BANKER OFFICE DI BANCA MEDIOLANUM - Montecatini Terme) 2014




Bando 

1° edizione PREMIO FBO MONTECATINI (FAMILY BANKER OFFICE DI BANCA MEDIOLANUM - Montecatini Terme) 2014

Genere: PITTURA Regolamento 

Art.1: FINALITÀ 
Il Premio FBO Montecatini di pittura, organizzato da Matilde Calamai, Ledo Fabbri e Letizia Melani e sponsorizzato dal Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini si propone di valorizzare, promuovere e dare visibilità agli artisti emergenti e all’arte contemporanea in genere.
Tra tutti i partecipanti al concorso verranno scelti quindici (15) finalisti le cui opere saranno esposte in una mostra collettiva che si terrà presso lo spazio del Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini.
Tra i quindici selezionati verrà designato un unico vincitore scelto dall’insindacabile giudizio della giuria organizzativa e da quella tecnica.
E’ previsto inoltre un Premio per l’opera preferita dal pubblico, che avrà la possibilità di vederla, votarla e commentarla direttamente sulla pagina Facebook:https://www.facebook.com/pages/Family-Banker-Office-di-MontecatiniFamily Banker Office di Montecatini Terme

Art. 2: TEMA
La tematica che i partecipanti dovranno rispettare per accedere al Premio è quella del mondo bancario: "LA BANCA CHE VORREI". Tematica che ogni candidato potrà elaborare e interpretare a piacere giustificando la scelta con alcune righe di presentazione dell’opera.

Art. 3: TECNICHE
Sono ammesse al concorso solo ed esclusivamente opere pittoriche, senza alcun limite di stile (opere figurative, astratte, informali ecc.), tecnica (olio, tempera, acrilico, vernice industriale, tecniche miste, etc) e supporto (tela, carta, legno, plastica, ferro, etc.).
La misura massima consentita per ogni lato è di 100 cm.

Art. 4: CRITERI DI AMMISSIONE
Possono partecipare tutti gli Artisti maggiorenni, senza limiti di età, sesso, nazionalità né di altra qualificazione, che presentino una o più opere pittoriche (vedi Art. 6 ) inerenti la tematica trattata. Si possono presentare opere di nuova realizzazione o già realizzate, purché non abbiano già vinto altri premi o concorsi.

Art. 5: DATE E SCADENZE
Inizio pubblicazione opere on-line: 5/04/2014
Chiusura iscrizioni al concorso: 20/06/2014 entro le ore 12:00.
Ultimo giorno di votazione dell’opera preferita on-line: fino al 20/06/2014 entro le ore 12:00.
Apertura Mostra Collettiva dei primi 15 artisti finalisti e Vernissage con Premiazione del Vincitore presso il Family Banker Office di Banca Mediolanum, Corso Matteotti 109 Montecatini Terme: 01/07/2014
Mostra Personale del vincitore da definire.

Art. 6: MODALITÀ DI ISCRIZIONE
Gli artisti possono iscriversi al concorso: entro le ore 12:00 del 20/ 06/ 2014, inviando a concorsofbomontecatini@gmail.com la documentazione necessaria al completamento dell’iscrizione che comprende:
1) Breve biografia dell’artista - percorso formativo, informazioni professionali, sito internet, contatti, etc - in versione PDF (massimo 1.000 caratteri spazi inclusi).
2) Immagine dell’opera/e candidata/e in formato jpg, con risoluzione di almeno 300 dpi (il nome del file così composto: “Nome Cognome dell’artista, Titolo, Tecnica, Dimensioni, Anno.jpg”)
3) Descrizione tecnica dell’opera
4) Spiegazione del legame tra l’opera/e e la tematica del concorso (massimo 1.000 caratteri spazi inclusi).
N.B. Le iscrizioni mancanti delle suddette informazioni non saranno prese in considerazione. Il materiale fornito per l’iscrizione non verrà restituito.

Art. 7: ISCRIZIONE
L’iscrizione al concorso è gratuita.

Art. 8: PREMI
Il concorso si articola in tre fasi:
1) prima selezione, da parte della Giuria, di quindici (15) finalisti
2) premiazione del vincitore decretato dalla Giuria
3) premiazione dell’opera preferita dal pubblico.

Ai quindici finalisti sarà data l’opportunità di esporre l’opera presentata in concorso presso il Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini Terme dal 1/07/2014 al 04/09/2014

Premi per il primo classificato:
1) Una targa
2)Mostra Personale presso il Family Banker Office di Banca Mediolanum a Montecatini Terme
3) Testo critico della Giuria tecnica con le motivazioni del premio
4)Intervista e pubblicazione su quotidiani e siti internet
5)Realizzazione di un servizio su Toscana tv nell’ambito della rubrica ‘Incontri con l’arte’
6) Una maglietta con stampa dell'opera da parte dell'azienda Fuorionda

N.B. L’opera vincitrice sarà trattenuta dallo sponsor e inserita nella Collezione della sede del Family Banker Office di Banca Mediolanum

Premi per l’opera preferita dal pubblico:
1)Targa
2)Una maglietta con stampa dell'opera dell'azienda Fuorionda
Entrambe le premiazioni avverranno in occasione del Vernissage della mostra collettiva che si terrà in data 01/07/2014

Art. 10: LA GIURIA
I componenti della Giuria organizzativa e della Giuria tecnica sono selezionati dal Family Banker Office, a suo insindacabile giudizio, fra illustri rappresentanti del mondo delle istituzioni, dell’arte, della cultura e dell’imprenditoria.
La Giuria organizzativa, presieduta dal Direttore del gruppo Gianluca Rafanelli, è composta da:
- Ledo Fabbri, manager di artisti e curatore di mostre
- Matilde Calamai, autrice e artista
- Melani Letizia, organizzatrice di eventi
- Marco Rindori, artista
La Giuria tecnica è composta da:
-Daniela Pronestì, storica e critica d’arte
- Roberta Fiorini, storica e critica d’arte

Le decisioni della Giuria saranno inoppugnabili ed insindacabili in qualsiasi sede.

Art. 11: TRASPORTO E ALLESTIMENTO
I quindici (15) finalisti dovranno provvedere personalmente alla spedizione o consegna delle opere entro e non oltre il 27/06/ 2014 al seguente indirizzo: Family Banker Office di Banca Mediolanum Corso Matteotti 109 Montecatini Terme.
Le opere devono essere già munite di cornici e ganci necessari all’allestimento della mostra che sarà a cura degli organizzatori del concorso.
La modalità, i costi di trasporto e l’eventuale assicurazione delle opere sono a carico e discrezione dell’artista, sia per la consegna che per la restituzione.
Il termine ultimo per il ritiro delle opere a conclusione dell’evento espositivo è venerdì 4/09/2014. Dopo questa data le opere saranno depositate in box in affitto a carico dell’artista.

Art. 12: RESPONSABILITÀ
Il Family Banker Office di Banca Mediolanum pur assicurando la massima cura e custodia delle opere pervenute, declina ogni responsabilità per eventuali furti, incendi o danni di qualsiasi natura che possono verificarsi durante le fasi della manifestazione.
Ogni eventuale richiesta di assicurazione va sottoscritta ed è a carico dell’artista stesso.

Art. 13: CONSENSO
Ogni partecipante autorizza espressamente il Family Banker Office di Banca Mediolanum di Montecatini Terme a trattare i dati personali trasmessi ai sensi della legge 675/96 (”legge sulla Privacy”) e successive modifiche D.lgs.196/2003 (codice Privacy).
Ogni partecipante al concorso concede in maniera gratuita al Family Banker Office i diritti di riproduzione delle opere e dei testi rilasciati al Premio, al fine della pubblicazione sul sito web e delle altre forme di comunicazione, promozione e attività dell’organizzazione.
Il materiale inviato per l’iscrizione non sarà restituito.
Gli organizzatori del concorso avranno diritto di decisione finale su tutto quanto non specificato nel presente bando.
L’organizzazione si riserva il diritto di apportare variazioni al bando qualora se ne presenti la necessità.
L’adesione e partecipazione al premio implica l’accettazione incondizionata di tutti gli articoli del presente bando e delle decisioni inappellabili e insindacabili della Giuria.





domenica, aprile 13, 2014

SOSTIENI FIRENZE






Care/i amiche e amici ,
presento la mia candidatura per il Consiglio Comunale di Firenze nella lista SOSTIENI FIRENZE , spero nel vostro voto, intanto c’è bisogno di un primo impegno. La lista per poter essere accettata dall’ufficio elettorale ha bisogno di 350 sottoscrizioni di RESIDENTI a Firenze che NON abbiano firmato e che NON firmeranno altre liste. Altrimenti nn sono valide.
Se volete, potete passare ad apporre la vostra firma allo Spazio Quaderni Rosselli, via Alfani 101 rosso r tel. 055 2658192. 

Grazie

sabato, aprile 05, 2014

Ho deciso, mi candideró per il Consiglio Comunale di Firenze


Care amiche e cari amici,



I prossimi 25 e 26 maggio si vota per il rinnovo del Parlamento europeo e a Firenze per il rinnovo del Consiglio Comunale e per il Sindaco di Firenze. La situazione nazionale e locale è delicata e pertanto richiede un maggiore impegno da parte di tutti per migliorare la nostra città e la qualità della nostra vita.

Io mi candido nella coalizione che sostiene Dario Nardella, candidato sindaco di Firenze, nella lista civica “Sostieni Firenze” dell’On. Prof.Valdo Spini, consigliere comunale eletto per la lista “SpiniperFirenze”, che ha dispiegato in questi anni l’impegno di un’opposizione costruttiva finalizzata a portare la riflessione e l’azione sulla costruzione della città metropolitana (la Grande Firenze), sulla politica urbanistica , sulla cultura, in genere per un metodo politico improntato alla partecipazione , alla tolleranza , alla competenza.

Sicuramente non sono stati anni facili per l’Italia e per Firenze, qualcosa è stato fatto ma non basta! La mia è un’occasione ma anche una sfida difficile, cosa ne pensate?

Io non sarò Matilde Calamai che parla solo per sé, io sarò più che altro il vostro tramite: un grido più forte e ...ci dovranno ascoltare!

Se anche voi, come me, credete nel progresso, se anche voi desiderate una città metropolitana, se anche voi volete cambiare questa situazione paralizzante, allora vi chiedo il vostro voto. Ve lo chiedo proprio perchè non appartengo al mondo della politica, io sono una cittadina che come voi, per ora, Firenze la subisce e perciò voglio portare la voce della mia generazione, la generazione dei trentenni, quella che deve direttamente affrontare le difficoltà dell’attuale crisi.
Mi hanno chiesto di candidarmi in quanto donna impegnata nella cultura, nell’arte e nella solidarietà. Alla testa della lista  l’On. Prof. Valdo Spini, che ho avuto l’occasione di conoscere e apprezzare mentre svolgevo il mio lavoro di giornalista pubblicista. Nei momenti di pausa abbiamo parlato a lungo condividendo idee, valori e visoni per una Firenze migliore,  ma  la cosa che più mi ha colpita di Valdo Spini è stata la sua integrità morale e il suo essere “Signore”, doti purtroppo quasi estinte. Perciò ho deciso di affiancarlo e di candidarmi come espressione di questi valori nella sua lista.

Altra cosa importante, e per me fondamentale, è l'integrazione delle donne nei processi da cui storicamente sono escluse perciò dopo che l’On. Prof.Spini mi ha rivelato che è stato proprio lui a battersi per far entrare le donne nelle Forze Armate non ho potuto allontanare l’idea di appoggiarlo nell'attuale sfida.

In questo mare di delusioni politiche, destra, centro o sinistra, dobbiamo andare al di là del colore e del simbolo di un partito votando la persona;  colui o colei che più ci dà fiducia, che più ci rappresenta, ma soprattutto la persona che ci ascolta e porta le nostre problematiche in primo piano.

Questa lettera per informarvi che mi candideró per il Consiglio Comunale di Firenze pertanto chi desidererà votarmi dovrà sbarrare il simbolo della lista “ SOSTIENI FIRENZE” e scrivere accanto il mio nome: Matilde Calamai. Le preferenze sono due , purché di genere diverso, quindi sotto la mia potete mettere il nome di un mio compagno di lista, per esempio lo stesso capolista
Valdo Spini.
Vi sarò grata se mi farete pervenire vostre osservazioni al mio indirizzo di posta elettronica : info@matildecalamai.net

Grazie per l’attenzione

Cordiali Saluti


Matilde Calamai

FREE ZONE _ music

Matilde Calamai: Free Zone
Musiche che ho composto per scrivere.

Caos di Emozioni_music

Oliver Bruno Lapio & Matilde Calamai: Caos Di Emozioni
Le mie poesie in musica.

E-book

Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu. Un e-book divertente